Ripartiamo con l’obiettivo di aumentare i contenuti all’interno della categoria “esperimenti in pratica”, vale a dire, esperimenti concreti con l’obiettivo di far comprendere le diverse attività di marketing che si possono utilizzare e nel pratico “applicare” ad un progetto online, un sito web, per aumentare traffico, migliorare posizionamento, raggiungere risultati. In questo post affrontiamo il tema della Ricerca e analisi parole chiave con Keyword Planner di Google analizzando e mostrando nel pratico come si possono ricercare o meglio scegliere le keywords di un sito in base al reale volume di ricerca. Google, motore di ricerca che veicola il 95,5% del totale delle ricerche effettuate in rete, (dati Maggio 2017 Sole 24 ore) mette a disposizione degli addetti ai lavori ma non solo, uno strumento molto importante, lo strumento per le parole chiave, ossia un generatore di parole chiave, noto come Google Keyword Suggestion Tool, che indica, per ogni parola digitata all’interno del motore il volume delle ricerche mensili effettuate. Utilizzando questo strumento possiamo scoprire se un nostro prodotto/servizio è ricercato e anche il numero di ricerche totali. Tecnicamente, per studiare quali parole chiave possono meglio fare al caso nostro e quindi possono essere successivamente inserite all’interno di un testo (come quello che stai leggendo) occorre conoscere lo strumento.

Ecco come funziona la Ricerca e analisi parole chiave con Keyword Planner di Google. Nel nostro esempio abbiamo studiato le migliori parole per posizionare questo articolo del blog in base al volume di ricerca. 

Lo strumento per le parole chiave di Google è parte integrante di Adwords, nella sua versione classica che nella nuova versione Express. Per i non addetti ai lavori la sua interfaccia non è sicuramente molto semplice ed intuitiva, trattandosi di uno strumento legato alla pubblicazione degli annunci a pagamento e quindi, in pratica, all’acquisto di risultati e posizioni sul motore di ricerca, consente di impostare diversi parametri come ad esempio il Targeting per le località, le parole a corrispondenza inversa, il sito e tutta una serie di informazioni che, quando si vuole solo fare una ricerca sul traffico, si possono anche non considerare. Consiglio n°1. Naturalmente è importante in questi parametri impostare il targeting per località, se stiamo lavorando o vogliamo lavorare sul mercato Italiano è bene inserire il paese Italia e non il Burundi. Come mostrato in foto abbiamo “interrogato” lo strumento di Google per capire il volume di ricerca delle seguenti Keyword:

  • ricercare keyword sito;
  • keyword planner;
  • come trovare traffico keyword;

Oltre ad una rapida indicazione della media delle ricerche mensili per tutte le idee, abbiamo richiesto a Google l’importante suggerimento delle “idee per le parole chiave”, scaricando successivamente un lungo file excel con tutti i dati di tutte le parole chiave inerenti alle nostre 3 idee. Come mostriamo nel file excel in foto, la risposta di Google è stata molto dettagliata con un lungo file in cui successivamente abbiamo evidenziato, in colore giallo e verde, le parole chiave di nostro interesse e che, in questo caso, potevano al meglio posizionare il testo Ricerca e analisi parole chiave con Keyword Planner di Google. 

Alla fine di questa nostra analisi, da un totale di 662 Keyword, tutte con traffico inerente alle nostre idee e quindi al contenuto del nostro post, prodotto e servizio, abbiamo selezionato un totale di sole 18 Keyword, successivamente elaborate in alcuni testi specifici e collegati anche con una moderata struttura di link interni.

Ricerca e analisi parole chiave con Keyword Planner di Google: in che modo si possono utilizzare per una content curation di successo e quali sono i reali vantaggi in termini di posizionamento organico del sito?

Nell’analizzare un progetto di Content Curation, con la produzione di diversi contenuti editoriali a supporto di attività di WebMarketing, la ricerca delle keyword utilizzando lo strumento per le parole chiave di Google rimane un metodo molto efficace ed utilizzato quotidianamente da Copywriter e autori. Esistono poi strumenti ancora più efficaci e specifici che sono legati al mondo SEO e che, oltre a fornire una lista delle keyword migliori, seguono l’andamento delle stesse e il successivo posizionamento. Naturalmente, come nel nostro caso, nel pratico, l’obiettivo di questa strategia è quella di posizionare un testo, una parte di testi ed un sito, per le parole chiave che realmente hanno un volume di ricerca e che quindi sono interessanti per l’utente e che sono, naturalmente, inerenti al tipo di argomento trattato e quindi al prodotto e servizio offerto.  Se vuoi saperne di più e sei curioso di analizzare anche i risultati di questo post, sono a tua disposizione. 😉

Ricerca e analisi parole chiave con Keyword Planner di Google